Consigli

Bagno

Quando fare il bagno? C'è ancora chi crede che i cani vadano lavati una o due volte l'anno. Questo poteva essere una soluzione cinquant'anni fa quando per lavare i cani si usava il sapone di marsiglia, ma al giorno d'oggi esistono eccellenti prodotti specifici per ogni tipo di pelo e condizione. Consiglio di lavare i cani almeno una volta al mese, comunque dipende anche da che tipo di vita fanno e dalle esigenze particolari di ognuno. Chiaramente più vengono tenuti in ordine con spazzole e altrei accorgimenti, meno devono ricorrere a trattamenti drastici. Diverso il discorso del cane che soffre di dermatire. Solitamente si consiglia un bagno ogni 15 20 giorni, con dei prodotti ad azione disinfettatente specifici. In questi casi si deve stare attenti anche all'alimentazione, favorendo dove l'appetito del cane lo permette, un cibo  base di pesce.

Il gatto. Anche i gatti andrebbero lavati. Ebbene si, anche se i nostri felini sono famosi per le loro abitutidini igieniche, un buon bagno non può che far bene anche a loro. Diversamente dal cane i gatti possono anche essere lavati uno o due volte l'anno, avendo una vita generalmente più casalinga.

Come spazzolare

Per una spazzolata corretta bisogna tenere sollevato con una mano il pelo e con la spazzola avvicinarsi alla cute spazzolando delicatamente per il verso del pelo. Questo perchè i nodi sono solitamente vicini alla pelle e passare semplicemente sopra non basta ad eliminarli. Questo vale sia per i cani che per i gatti.
Per gli animali a pelo raso si può usare un guanto apposito o delle spazzole con le setole parzialmente in rame, che rendono il mantello lucido e brillante.
Queste operazioni permettono di tenere in salute il nostro animale, evitando l'insorgere di dermatiti, sfoltendo il pelo, sopratutto in estate quei cani che non possono essere tosati, e diminuendo la perdita di pelo per casa.


Pulizia dei denti

Bisogna munirsi di dentifricio (solo quello adatto ai cani, quello umano può essere dannoso), spazzolino e pazienza.
L'operazione è simile alla nostra, si mette il dentifricio sullo spazzolino e tenendo la bocca aperta si spazzola delicatamente ma con decisione i denti del cane. Se proprio il vostro cane non ne vuole sapere potete fare uso di gel che vanno messi sulle gengive o colluttori specifici.
Consiglio di abituarlo gradualmente, facendoli magari assaggiare il dentifricio prima. Sarebbe buona cosa iniziare fin da cuccioli, ma anche il cane adulto può essere persuaso.
Considerando che l'accumulo di tartaro causa la perdita dei denti e che una visita dal dentista può costare più di 200 euro, credo che sarebbe buona norma abituarci a lavare i denti ai nostri pelosetti.

Unghie

Se non siete pratici conviene andare da un professionista per far taglire le unghie al cane e al gatto. Normalmente i cani si limano le unghie camminando e raspando per terra, tuttavia capita che alcuni un pò perchè sono anziani un pò perchè abitualmente camminano su superfici lisce non riescano ad autogestrsi. In entrambi i casi bisogna comunque fare attenzione all'artiglio che difficilmente tocca terra e curvandosi rischia di bucare la pelle profocando dolore e infezioni.

Pulci e zecche

Capita che anche con tutti gli accorgimenti possano presentarsi una di queste due fastidiose bestioline. Iniziamo con il dire che le pulci di muovono e saltano. La soluzione è un bagno antiparassitario che dovrebbe eliminarle subito. Se avete il dubbio che possano essere anche in casa esistono dei prodotti che le eliminano. 
Le zecche sono un'altro discorso più comlicato. Prima cosa da NON fare è strapparle con le mani. Se volete farlo voi potete munirvi di pinzette (esistono specifiche ma non un pò di inventiva si possono usare quelle delle sopracciglie) e afferrare la zecca dalla testa, non dal corpo perchè rischia di spezzarsi e rimanere incastrata, e tirarla via senza torcerla. Una volta estratta buttatela in un bicchierino con dell'alcool per farla morire. Assicuratevi di disinfettare la zona e controllate che non si presenti un'infezione.

Orecchie

Come per i denti è buona norma imparare a pulire le orecchie del cane. Con i prodotti adatti si può procedere in due modi. Il primo è il più delicato e meno fastidioso. Si bagna un pò di cotone e si pulisce delicatamente l'interno dell'orecchio e l'esterno del padiglione. A volte sarà necessario una pulizia più profonda, quindi bisognerà inserire poche gocce nel padiglione auricolare e messaggiare delicatamente. Quando il cane scrolla la testa l'eccesso dovrebbe uscire da solo. Alcune razze hanno bisogno di avere i peli interni estirpati operazione che sarebbe meglio far eseguire a chi è del mestiere.
In ogni caso bisogna controllare periodicamente le loro orecchie e nel caso notaste arrossamenti o pus, contatte immediatamente il veterinario.

Estate

Molti durante l'estate chiedono di far tosare i loro cani pensando che questo possa aiutarli contro il caldo. In realtà il pelo del cane è un termoregolatore, quindi il cane ne ha bisogno per combattere sia il caldo che il freddo. Tuttavia si può comunque intervenire, non in maniera drastica, ma accorciando il pelo con un corretta tosatura per quelle razze che lo permettono o con altre toelettature adatte al tipo di pelo. Per la casa invece fate attenzione all'aria condizionata e ai ventilatori, che per noi sono fondamentali, ma che possono dare fastidio ai nostri animali. Un consiglio è mantenete una stanza all'ombra e ben ventilata, dove il cane può sdraiarsi per terra. Infatti i pavimenti freschi sono la soluzione più ideale per quando hanno caldo.